Le Terme Tettuccio

Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale
  • Le Terme Tettuccio
  • Il Golf 18 buche
  • Montecatini Alto
  • Lo stabilimento Tettuccio
  • Uto Ughi a Estate Regina
  • Ippodromo Sesana
  • Miss Italia a Montecatini Terme
  • Montecatini Alto
  • Natale su Viale Verdi
  • Parco Termale

Autorità Idrica Toscana – riempimento piscine private ad uso collettivo

Federalberghi Toscana ha recentemente incontrato l'Autorita Idrica Toscana sul tema degli adempimenti previsti per il riempimento delle piscine private ad uso collettivo.

A seguito di questo incontro, riepiloghiamo i principali adempimenti allegando, comunque, il materiale illustrativo che è stato prodotto da parte dell'Autorità.

  • La struttura che ha intenzione di aprire la propria piscina ai propri clienti deve chiedere al proprio gestore, che ha pubblicato sul proprio sito il modulo di richiesta, la concessione di utilizzo dell’acqua potabile
  • Il gestore risponderà entro 30 giorni ,ma tendenzialmente la risposta sarà affermativa. Verrà concesso l’uso dell’acqua per 365 giorni, successivamente dovrà essere rinnovata la richiesta al gestore

L’AIT ESORTA LE STRUTTURE AD INOLTRARE QUANTO PRIMA LA RICHIESTA ANCHE SE LE STRUTTURE NON SONO ANCORA APERTE,  PER PERMETTERE UNA OTTIMALE ORGANIZZAZIONE PER LE CONCESSIONI

  • Se la struttura non fa richiesta al gestore, sono previste sanzioni fino a 600€

E’ stato poi spiegato il tipo di controlli che vengono fatti sull’approvvigionamento e come può avvenire l’approvvigionamento dell’acqua:

  • Usando l’acquedotto pubblico la struttura deve esibire la mail di concessione autorizzata dal gestore
  • Pozzo privato esibendo la lettura del contatore del pozzo comunicate alla Regione Toscana
  • Fornitura di acqua tramite ditte specializzate con autobotte dimostrabile mediante presentazione di  fatture e documento di trasporto

Sono poi stati illustrati i controlli che vengono effettuati dalle ASL territorialmente competenti sulla documentazione prevista per la gestione dell’acqua in piscina:

  • Manuale di autocontrollo
  • DVR
  • Registro di interventi di manutenzione
  • Registro dei controlli dell’acqua in vasca contenente:
    • Lettura giornaliera del contatore nell’apposita tubazione di mandata dell’acqua di immissione

Sono previste sanzioni da 500 a 3000€. La sanzione comporta la chiusura dell’impianto

 

Ricordiamo che secondo l’art.9 comma 7 della l.r.8/2006 viene controllato anche lo svuotamento annuale della piscina (per poter effettuarne la pulizia), lo svuotamento viene verificato dai registri e dai consumi. E’ prevista una sanzione da 200 a 1200€

E’ stato poi affrontata la questione dei pozzi.

Secondo il RD 1775/1933 è vietato usare acqua pubblica senza un provvedimento autorizzatorio o concessorio, altrimenti si incorre in sanzioni da 3000 a 30000€

Per usare l’acqua del pozzo per il riempimento della piscina deve esserne fatta esplicita richiesta al Genio Civile .

Il pozzo deve essere dotato di contatore per la misurazione delle portate e dei volumi prelevati, in caso di assenza o di mal funzionamento del contatore nel pozzo è prevista una sanzione da 1500 a 6000€

Entro il 31 gennaio dell’anno successivo la struttura deve trasmettere alla Regione la lettura altrimenti può incorrere in sanzioni da 1500 a 6000€.

 

volantino AIT

schema sanzionatorio

prontuario

modulo di domanda acque toscane


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

07/05/2021

Il Governo italiano ha trasmesso alla Commissione Europea il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro, finanziati attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, lo strumento chiave del NGEU.

06/05/2021

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, nella riunione del 28 aprile 2021, ha approvato una nuova edizione delle Linee Guida per la riapertura delle Attività Economiche.

Le nuove “Linee Guida per la ripresa delle attività economiche e sociali” tengono conto delle disposizioni del decreto-legge n. 52 del 22 aprile 2021 “riaperture” e sono adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 16 maggio 2020. La disposizione richiamata prevede che le attività economiche, produttive e sociali devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di

06/05/2021

Sul sito del Governo sono state pubblicate le risposte alle domande più frequenti sulle misure di contenimento finora adottate, aggiornate a seguito dell’entrata in vigore del decreto-legge 22 aprile 2021 n.52, che ha disposto l’applicazione di misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19.

29/04/2021

La 71a Assemblea di Federalberghi si svolgerà a Roma, il 14 e 15 maggio 2021, presso l’hotel Crowne Plaza Rome - St. Peter’s.

Nel pomeriggio del 14 maggio si svolgeranno le assemblee del Comitato Nazionale Giovani Albergatori di Federalberghi Extra, Federalberghi Isole Minori e Federalberghi Terme.

27/04/2021

L’Agenzia delle entrate, in risposta ad uno specifico interpello, si è pronunciata in merito alla possibilità di fruire dell’agevolazione introdotta dall’articolo 28 del decreto rilancio n. 34 del 2020, nel caso in cui i canoni di locazione riferiti all’anno 2020 vengano corrisposti  nell’anno 2021.

Sulla questione l’Agenzia delle entrate si era già espressa in modo positivo, sia informalmente sia con la risposta all'istanza di interpello n. 440 del 5 ottobre 2020.

26/04/2021

Il Ministero dell'Interno ha fornito alcune indicazioni ai prefetti, di seguito sintetizzate, utili per la corretta interpretazione del decreto legge 22 aprile 2021 n. 52 "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell' epidemia da COVID-19" .

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS