Le Terme Tettuccio
Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale

BANDO REGIONALE – MICROINNOVAZIONE DIGITALE DELLE IMPRESE

La Regione Toscana con decreto dirigenziale 14075 del 9 settembre 2020 ha approvato il bando “Microinnovazione digitale delle imprese”.

 Con questo bando l'ente punta a sostenere, le micro e Pmi toscane colpite dalla pandemia Covid 19 che acquisiscono servizi innovativi di supporto ai processi di trasformazione digitale delle imprese, da ricondurre alle tipologie di attività digitali previste nella specifica sezione del Catalogo approvato dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane .

 Il bando ha un budget finanziario di 1 milioni 278 mila euro. Tale dotazione potrà, tramite apposito provvedimento, essere oggetto di integrazione a seguito della riprogrammazione Por Fesr 2014-2020 e trasferimento delle risorse in applicazione del TF Covid 19 fino alla concorrenza di un importo pari ad 10 milioni di euro, di cui:

 

  • 8 milioni per le sezioni di raggruppamento del Manifatturiero e
  • 2 milioni per le sezioni del settore Turismo, commercio ed altre attività come definite nella delibera 643 del 28 luglio 2014

 Beneficiari

 Possono presentare domande:

a) micro, piccole e medie Imprese (MPMI) compresi i liberi professionisti in forma singola o associata (ATS, ATI, Rete- Contratto);

b) reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Consorzi, Società consortili,esercitanti un’attività economica identificata come primaria rientrante in uno Codici ATECO ISTAT 2007 individuati nella deliberazione della G.R. 643 del 28/07/2014 e dalla stessa distinti nelle sezioni di raggruppamento del Manifatturiero e del Turismo, commercio ed altre attività.

 

Requisiti di ammissibilità

 Il richiedente deve possedere i requisiti previsti al punto 2.2 del bando allegato e possedere la capacità economica e finanziaria mediante la valutazione di:

-       Adeguatezza patrimoniale

-       Affidabilità economica

-       Affidabilità finanziaria

 

Progetti ammissibili

 I progetti devono essere ricondotti alle diverse tipologie di attività innovative previste nel “Catalogo” e prevedere l’acquisizione di servizi qualificati di innovazione digitale di cui alla sezione B6 dello stesso eventualmente combinata con servizi delle sezioni B2 e B3.

I suddetti servizi devono essere erogati da fornitori che rispondono ai requisiti di cui al punto 3.4 del bando. La proposta progettuale consiste nella descrizione del servizio o dei servizi che s’intende acquisire con descrizione sintetica degli obiettivi previsti e risultati attesi nelle varie fasi/attività previste.

Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento presso le unità locali/sede poste in Toscana.

 

Massimali d'investimento

 Contributo concesso in regime de minimis, variabile dal 30 al 70 del costo totale ammissibile sugli investimenti (da un minimo di 7.500 euro ad un massimo di 100.000 euro in base alla dimensione dell’impresa e al tipo di investimento).

Il progetto deve prevedere l’attivazione di servizi di supporto ai processi di trasformazione digitale dell’impresa per un valore non superiore ad 60.000 euro.

Tali servizi possono essere combinati con altra tipologia di servizi previsti nel “Catalogo” nella sezione B2 e B3, ma la spesa massima ammissibile non può essere superiore a 100.000 euro ed il servizio digitale deve costituire almeno il 51% del costo complessivo del progetto.

 Nella scheda riepilogativa dei servizi contenuti nel “Catalogo” (allegato B del bando) per ogni tipologia di impresa e di attività innovativa viene indicata la spesa massima ammissibile

 

Spese ammissibili

 Il progetto innovativo di trasformazione digitale dell’impresa deve prevedere una o più delle seguenti attività di innovazione in particolare mediante:

 

  • acquisizione di servizi di consulenza in materia di innovazione
  • acquisizione di servizi di sostegno all'innovazione compreso i canoni relativi a piattaforme software
  • acquisizione di personale altamente qualificato.

 I costi sono ammissibili a far data dal 1 febbraio 2020.

I progetti già avviati ma non ancora ultimati dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di comunicazione di ammissione al finanziamento.

 

Tipo di agevolazione

 Per l'attuazione degli interventi di sostegno alle imprese di cui al presente bando si applica la procedura automatica a sportello secondo quanto previsto dagli articoli 4 del D.Lgs. n. 123/1998.

L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto ed erogato, di norma, nella forma di voucher.

 I contributi per la realizzazione dei progetti previsti nel presente intervento saranno concessi fino al 31 dicembre 2020.

Nella scheda riepilogativa dei servizi contenuti nel “Catalogo” (allegato B del bando) per ogni tipologia di impresa e di attività innovativa viene indicata l’intensità massima dell’agevolazione.

Un incremento dell’intensità d’aiuto del 20% sui servizi di tipologia B6 è previsto nel caso di progetti integrati che attivano una combinazione di servizi digitali con altri servizi della sezione B2 e B3 del Catalogo.

 La domanda di agevolazione è redatta esclusivamente online, previo rilascio delle credenziali di accesso alla piattaforma web di Sviluppo Toscana a partire dalle ore 9,00 del 17 settembre 2020.

La raccolta progettuale sarà chiusa alle ore 17.00 del secondo giorno successivo a quello di raggiungimento delle risorse disponibili. Al raggiungimento della dotazione disponibile, sarà pubblicato un avviso sul portale di inserimento delle domande gestito da Sviluppo Toscana https://sviluppo.toscana.it/bandi/

 In ogni caso, fatte salve eventuali e diverse determinazioni al riguardo da assumersi prima di quella data, la raccolta progettuale sarà sospesa alle ore 23.59 del 15 novembre 2020 al fine di verificare lo stato di attuazione della misura nel rispetto dei vincoli posti dalla delibera di giunta 855/2020 e l’eventuale necessità di ulteriore riprogrammazione del Por Fesr con destinazione delle risorse residue ad altro intervento.

 

Gli uffici di Federalberghi Apam sono a disposizione per la consulenza e istruttoria delle domande, avvalendosi dell’ausilio di Professionista del settore Credito Agevolato e finanza.

Per informazioni e contatti Massimo Giusfredi 0572 70124/ 3665657460.

 

bando

Decreto Regione Toscana

Riepilogo servizi di supporto alla trasformazione digitale

 


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

24/09/2020

Con l’ordinanza del 21 settembre 2020, il Ministro della salute ha modificato la precedente ordinanza del 12 agosto 2020 integrando l’elenco dei paesi di provenienza che rappresentano un rischio per la diffusione della pandemia sul territorio nazionale.

24/09/2020

Il Ministero dell’Interno ha predisposto uno schema di decreto attuativo delle disposizioni di cui all’articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, allo scopo di integrare le modalità di comunicazione informatiche e telematiche dei dati delle persone alloggiate consentendo il collegamento diretto tra i sistemi gestionali delle strutture ricettive e i sistemi informatici delle autorità di pubblica sicurezza.

10/09/2020

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 7 settembre 2020 ha prorogato sino al 7 ottobre 2020, con alcune modifiche, le disposizioni contenute nel precedente decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020 e nelle ordinanze del Ministro della salute 12 agosto 2020 e 16 agosto 2020.

10/09/2020

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 7 settembre 2020 ha prorogato sino al 7 ottobre 2020, con alcune modifiche, le disposizioni contenute nel precedente decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020 e nelle ordinanze del Ministro della salute 12 agosto 2020 e 16 agosto 2020.

04/09/2020

L’articolo 8 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, rubricato <<Disposizioni in materia di proroga o rinnovo di contratti a termine>>, ha introdotto importanti modifiche all’articolo 93 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34.

04/09/2020

L'INPS ha fornito le prime indicazioni (allegate) in merito alle misure e alle indennità Covid-19 previste dal decreto-legge n. 104 del 2020 (c.d. decreto agosto), in vigore dal 15 agosto 2020, in continuità con le misure previste dai decreti-legge n. 18 (c.d. cura Italia) e n. 34 (c.d. decreto rilancio) del 2020.

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS