Le Terme Tettuccio

Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale
  • Le Terme Tettuccio
  • Il Golf 18 buche
  • Montecatini Alto
  • Lo stabilimento Tettuccio
  • Uto Ughi a Estate Regina
  • Ippodromo Sesana
  • Miss Italia a Montecatini Terme
  • Montecatini Alto
  • Natale su Viale Verdi
  • Parco Termale

crediti d’imposta per l’acquisto di prodotti energetici - agenzia delle entrate provvedimento del 30 giugno 2022.

L’Agenzia delle entrate ha definito la modalità di attuazione delle disposizioni relative alla cessione e alla tracciabilità dei crediti d’imposta riconosciuti in relazione agli oneri sostenuti per l’acquisto di prodotti energetici .

Si tratta, in particolare, delle seguenti disposizioni:

- credito d’imposta a favore delle imprese non energivore (secondo trimestre 2022), di cui all’articolo 3 del decreto-legge 21 marzo 2022, n. 21, pari al 15% delle spese sostenute;

- credito d’imposta a favore delle imprese diverse da quelle a forte consumo gas naturale (secondo trimestre 2022), di cui all’articolo 4 del decreto-legge 21 marzo 2022, n. 21, pari al 25% delle spese sostenute;

I crediti d’imposta sono utilizzabili in compensazione tramite modello F24, entro il 31 dicembre 2022; in alternativa le imprese beneficiarie possono cedere i crediti a soggetti terzi, alle seguenti condizioni:

- il credito è cedibile “solo per intero” dalle imprese beneficiarie ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, senza facoltà di successiva cessione, fatta salva la possibilità di due ulteriori cessioni solo se effettuate a favore di “soggetti qualificati” (banche e intermediari finanziari, società appartenenti a un gruppo bancario e compagnie di assicurazione);

- in caso di cessione del credito d'imposta, le imprese beneficiarie richiedono il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al credito medesimo.

Con il provvedimento in parola sono stati approvati il modello (con le relative istruzioni e specifiche tecniche) per comunicare telematicamente all’Agenzia le prime cessioni dei crediti e le relative disposizioni di attuazione, anche in merito alla tracciabilità delle successive cessioni.

Il provvedimento, in linea con le disposizioni di riferimento prevede, tra l’altro, che:

- considerata la combinazione del termine finale di fruizione dei crediti previsto dal legislatore (31 dicembre 2022) e del termine di cinque giorni lavorativi, a disposizione dell’Agenzia per sospendere le comunicazioni delle cessioni ai fini dei controlli preventivi, le comunicazioni stesse dovranno avvenire dal 7 luglio 2022 al 21 dicembre 2022;

- visto che il legislatore ha previsto che i crediti siano cedibili “solo per intero” e che le cessioni siano tracciabili, l’utilizzo in compensazione dei crediti è alternativo alla cessione, anche per le cessioni successive alla prima. In particolare, ciascun credito, in relazione all’intero periodo di riferimento (primo o secondo trimestre 2022), potrà essere utilizzato in compensazione o ceduto “solo per intero” e per ciascun credito potrà essere inviata una sola comunicazione di cessione, per l’intero importo.

La comunicazione della cessione è inviata dal beneficiario del credito d’imposta (cedente), direttamente oppure avvalendosi di un soggetto incaricato della trasmissione delle dichiarazioni, utilizzando esclusivamente i canali telematici dell’Agenzia delle entrate, nel rispetto dei requisiti definiti dalle suddette specifiche tecniche.

Nei casi indicati nelle istruzioni di compilazione del modello, ai fini della cessione del credito d'imposta il beneficiario (cedente) deve richiedere il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al credito stesso. In tali casi, la comunicazione della cessione è inviata esclusivamente dal soggetto che rilascia il visto di conformità.

Per ciascun credito d’imposta, il beneficiario (cedente) può inviare una sola comunicazione di cessione, per l’intero ammontare del credito stesso. Eventuali successive comunicazioni dello stesso soggetto per il medesimo credito saranno scartate, salvo che le precedenti comunicazioni non siano state annullate.

Distinti saluti.

                                                                                         Il Direttore Generale

                                                                              (Dr. Alessandro Massimo Nucara)

allegati

modello

istruzioni

provvedimento AE


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

04/08/2022

Molti alberghi e stabilimenti termali, destinatari del contributo a fondo perduto e del credito d’imposta previsti dall’articolo 1 del decreto-legge n. 152 del 2021, hanno subìto una rimodulazione dell’incentivo.

27/07/2022

Nexi Payments spa ha prorogato in esclusiva per gli associati Federalberghi la promozione Canone Zero: le imprese turistico-ricettive che aderiranno al servizio entro il 31 dicembre 2022saranno esentate per sempre dal pagamento del canone mensile di XPay.

27/07/2022

A seguito dell’incontro dello scorso 12 luglio 2022, Lea-Soundreef ha proposto alla Federazione di stipulare una convenzione con un tariffario ridotto per le aziende associate per l’anno 2022.

27/07/2022

E’ stata pubblicata in gazzetta ufficiale la legge di conversione del decreto legge recante “misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina”.

27/07/2022

Il Ministero del turismo ha fornito ulteriori chiarimenti in merito al calcolo degli incentivi riconoscibili, nella forma del contributo a fondo perduto e nella forma del credito d’imposta, secondo quanto prescritto dall’articolo 3, comma 1 e 2 dell’Avviso pubblico del 23 dicembre 2021.

 

27/07/2022

L’Agenzia delle entrate ha dato risposta ad alcuni quesiti dei contribuenti in tema di esterometro, alla luce delle nuove regole in vigore dal 1° luglio 2022.

Nell’invitare a una attenta lettura della circolare in oggetto, di seguito si riassumono le indicazioni di più immediato interesse per le imprese del settore.

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS