Le Terme Tettuccio

Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale
  • Le Terme Tettuccio
  • Il Golf 18 buche
  • Montecatini Alto
  • Lo stabilimento Tettuccio
  • Uto Ughi a Estate Regina
  • Ippodromo Sesana
  • Miss Italia a Montecatini Terme
  • Montecatini Alto
  • Natale su Viale Verdi
  • Parco Termale

Covid-19 - riammissione in azienda dopo la malattia - indicazioni - Ministero della salute, circolare 12 aprile 2021, n. 15127

Il Ministero della salute ha fornito indicazioni sulle procedure da seguire per la riammissione in servizio dopo assenza per malattia da Covid-19 correlata e la certificazione che il lavoratore deve produrre al datore di lavoro, analizzando le fattispecie che potrebbero configurarsi come indicate nel "Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/Covid-19 negli ambienti di lavoro" del 6 aprile 2021.

La procedura di riammissione cambia in base alla gravità della sintomatologia manifestata dal lavoratore positivo e alla manifestazione di positività.

 

lavoratori positivi con sintomi gravi e ricovero

In merito al reintegro progressivo di lavoratori dopo l'infezione da Covid-19, coloro che si sono ammalati e che hanno manifestato una polmonite o un'infezione respiratoria acuta grave, potrebbero presentare una ridotta capacità polmonare a seguito della malattia (anche fino al 20-30% della funzione polmonare) con possibile necessità di sottoporsi a cicli di fisioterapia respiratoria.

Situazione ancora più complessa è quella dei soggetti che sono stati ricoverati in terapia intensiva, in quanto possono continuare ad accusare disturbi rilevanti, la cui presenza necessita di particolare attenzione ai fini del reinserimento lavorativo.

In questo caso il medico competente effettua la visita medica preventiva al fine di verificare l'idoneità` alla mansione indipendentemente dalla durata dell'assenza per malattia.

 

lavoratori positivi sintomatici

I lavoratori risultati positivi alla ricerca di SARS-CoV-2 e che presentano sintomi meno gravi di malattia possono rientrare in servizio dopo un periodo di isolamento di almeno dieci giorni dalla comparsa dei sintomi accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno tre giorni senza sintomi.

 

lavoratori positivi asintomatici

I lavoratori risultati positivi alla ricerca di SARS-CoV-2 ma asintomatici per tutto il periodo possono rientrare al lavoro dopo un periodo di isolamento di almeno dieci giorni dalla comparsa della positività, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare con risultato negativo.

Pertanto, il lavoratore positivo sintomatico meno grave o asintomatico, ai fini del reintegro invia, anche in modalità telematica, al datore di lavoro per il tramite del medico competente ove nominato, la certificazione di avvenuta negativizzazione, secondo le modalità previste dalla normativa vigente.

I lavoratori positivi la cui guarigione sia stata certificata da tampone negativo, qualora abbiano contemporaneamente nel proprio nucleo familiare convivente casi ancora positivi non devono essere considerati alla stregua di contatti stretti con obbligo di quarantena ma possono essere riammessi in servizio.

 

lavoratori positivi a lungo termine

I soggetti che continuano a risultare positivi al test molecolare per SARS-CoV-2 e che non presentano sintomi da almeno una settimana, possono interrompere l'isolamento dopo ventuno giorni dalla comparsa dei sintomi.

Tuttavia, in base a quanto disposto dal richiamato Protocollo del 6 aprile 2021, ai fini del reintegro, questi soggetti saranno riammessi al lavoro solo dopo la negativizzazione del tampone molecolare o antigenico effettuato in struttura accreditata o autorizzata dal servizio sanitario; il lavoratore avrà cura di inviare tale referto, anche in modalità telematica, al datore di lavoro, per il tramite del medico competente, ove nominato.

Il periodo eventualmente intercorrente tra il rilascio dell'attestazione di fine isolamento e la negativizzazione, nel caso in cui il lavoratore non possa essere adibito a modalità di lavoro agile, dovrà essere coperto da un certificato di prolungamento della malattia rilasciato dal medico curante.

 

lavoratore contatto stretto asintomatico

Il lavoratore, che sia un contatto stretto di un caso positivo, informa il proprio medico curante che rilascia certificazione medica di malattia salvo che il lavoratore stesso non possa essere collocato in regime di lavoro agile.

Per la riammissione in servizio, il lavoratore dopo aver effettuato una quarantena di dieci giorni dall'ultimo contatto con il caso positivo, si sottopone all'esecuzione del tampone e il referto di negatività del tampone molecolare o antigenico è trasmesso dal Dipartimento di sanità pubblica o dal laboratorio dove il test è stato effettuato al lavoratore che ne informa il datore di lavoro per il tramite del medico competente, ove nominato.

Distinti saluti.

                                                                                         Il Direttore Generale

                                                                              (Dr. Alessandro Massimo Nucara)

allegato


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

07/05/2021

Il Governo italiano ha trasmesso alla Commissione Europea il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro, finanziati attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, lo strumento chiave del NGEU.

06/05/2021

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, nella riunione del 28 aprile 2021, ha approvato una nuova edizione delle Linee Guida per la riapertura delle Attività Economiche.

Le nuove “Linee Guida per la ripresa delle attività economiche e sociali” tengono conto delle disposizioni del decreto-legge n. 52 del 22 aprile 2021 “riaperture” e sono adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 16 maggio 2020. La disposizione richiamata prevede che le attività economiche, produttive e sociali devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di

06/05/2021

Sul sito del Governo sono state pubblicate le risposte alle domande più frequenti sulle misure di contenimento finora adottate, aggiornate a seguito dell’entrata in vigore del decreto-legge 22 aprile 2021 n.52, che ha disposto l’applicazione di misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19.

29/04/2021

La 71a Assemblea di Federalberghi si svolgerà a Roma, il 14 e 15 maggio 2021, presso l’hotel Crowne Plaza Rome - St. Peter’s.

Nel pomeriggio del 14 maggio si svolgeranno le assemblee del Comitato Nazionale Giovani Albergatori di Federalberghi Extra, Federalberghi Isole Minori e Federalberghi Terme.

27/04/2021

L’Agenzia delle entrate, in risposta ad uno specifico interpello, si è pronunciata in merito alla possibilità di fruire dell’agevolazione introdotta dall’articolo 28 del decreto rilancio n. 34 del 2020, nel caso in cui i canoni di locazione riferiti all’anno 2020 vengano corrisposti  nell’anno 2021.

Sulla questione l’Agenzia delle entrate si era già espressa in modo positivo, sia informalmente sia con la risposta all'istanza di interpello n. 440 del 5 ottobre 2020.

26/04/2021

Il Ministero dell'Interno ha fornito alcune indicazioni ai prefetti, di seguito sintetizzate, utili per la corretta interpretazione del decreto legge 22 aprile 2021 n. 52 "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell' epidemia da COVID-19" .

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS