Le Terme Tettuccio

Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale
  • Le Terme Tettuccio
  • Il Golf 18 buche
  • Montecatini Alto
  • Lo stabilimento Tettuccio
  • Uto Ughi a Estate Regina
  • Ippodromo Sesana
  • Miss Italia a Montecatini Terme
  • Montecatini Alto
  • Natale su Viale Verdi
  • Parco Termale

fondo rotativo turismo - articolo 3 del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152 convertito dalla legge 29 dicembre 2021, n. 233 – Avviso ministeriale 7 maggio 2024

Il Ministero del turismo ha pubblicato l’avviso pubblico (allegato) che disciplina le modalità di nuova presentazione delle domande di incentivo erogato dal fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo e fornisce indicazioni utili per la migliore attuazione dell’intervento, precisando gli oneri informativi a carico delle imprese.

Possono presentare domanda di agevolazione le imprese alberghiere, le imprese che esercitano attività agrituristica, le imprese che gestiscono strutture ricettive all'aria aperta, nonché le imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, ivi compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

Il programma di investimento deve essere riferito ad una o più delle unità locali dell’impresa richiedente ubicati sul territorio nazionale, fermo restando che per ogni unità locale il programma di investimento deve prevedere la realizzazione di almeno uno degli interventi considerati ammissibili agli incentivi, ciascuno dotato di una propria autonomia funzionale.

Sono ammissibili agli incentivi i programmi di investimento i cui costi al netto di IVA, inclusa la relativa specifica progettazione, siano relativi a:

a) interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture di cui al decreto del Ministero dello sviluppo economico 6 agosto 2020;

b) interventi di riqualificazione antisismica di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lettera i), del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il Testo unico delle imposte sui redditi;

c) interventi di eliminazione delle barriere architettoniche, in conformità alla legge 9 gennaio 1989, n. 13, e al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503;

d) interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o installazione di manufatti leggeri, di cui all'articolo 3, comma 1, lettere b), c), d) ed e.5), incluse le unità abitative mobili e loro pertinenze e accessori collocate, anche in via continuativa, in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, funzionali alla realizzazione degli interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica e agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche, in conformità alla legge 9 gennaio 1989, n. 13 e al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503;

e) interventi di realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali, relativi alle strutture di cui all'articolo 3 della legge 24 ottobre 2000, n. 323;

f) interventi per la digitalizzazione previsti dall’articolo 9, comma 2, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106.

g) interventi di acquisto/rinnovo di arredi.

I programmi di investimento, per essere ammessi all’agevolazione, devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di incentivo e comunque entro tre mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento, e devono essere conclusi entro il 31 dicembre 2025.

Per avvio del programma di investimento si intende la data di inizio dei lavori relativi all’investimento oppure la data del primo impegno giuridicamente vincolante ad ordinare attrezzature o di qualsiasi altro impegno che renda irreversibile l’investimento, a seconda di quale condizione si verifichi prima. L’acquisto del suolo aziendale e i lavori preparatori quali la richiesta di permessi o la realizzazione di studi di fattibilità non sono considerati come avvio del programma di investimento, ferma restando la non ammissibilità delle relative spese antecedentemente alla presentazione della domanda.

Le spese ammissibili, al netto dell'IVA, non devono essere inferiori a euro 500.000,00 e non superiori a euro 10.000.000,00, fermo restando il rispetto dei massimali di aiuto previsti dal Regolamento GBER.

I programmi di investimento, inoltre, devono essere conformi alla normativa ambientale nazionale e unionale, alla Comunicazione della Commissione UE (2021/C 58/01) e agli orientamenti tecnici sull’applicazione del principio di “non arrecare un danno significativo” (DNSH) e di apportare un contributo sostanziale (cfr. Guida operativa per il rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente - DNSH) a norma dell’articolo 17 del Regolamento UE n. 2020/852. Per quanto riguarda gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione, deve essere assicurato il rispetto delle condizioni indicate nella Scheda n. 2 dell’Allegato alla Circolare MEF n. 33 del 13 ottobre 2022 “Aggiornamento Guida operativa per il rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente - DNSH” pubblicata nella Sezione PNRR del sito istituzionale del Ministero.

Tutte le spese del programma di investimento complessivo - incluse quelle eventualmente riconosciute necessarie ma, per loro natura o per esubero sulle percentuali o limite massimo non ammesse alle agevolazioni - devono essere pagate esclusivamente, integralmente ed in modo diretto tramite un conto corrente bancario dedicato alla realizzazione del programma di investimento.

Sono ammissibili alle agevolazioni esclusivamente le spese relative ad investimenti ammortizzabili acquisiti in proprietà regolarmente contabilizzate e iscritte in bilancio per almeno 3 anni per le PMI e 5 anni per le Grandi imprese.

Tutti i beni mobili acquistati devono essere nuovi di fabbrica e devono essere utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’impresa, direttamente dal soggetto beneficiario ed esclusivamente sul territorio nazionale.

Gli incentivi sono articolati nel contributo e nel finanziamento agevolato, concessi tenendo conto della dimensione dell’impresa e della ubicazione delle singole unità locali interessate dal programma di investimento sul territorio nazionale.

Al finanziamento agevolato è associato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato dalla banca finanziatrice. Il finanziamento agevolato ed il finanziamento bancario costituiscono insieme il finanziamento, regolato in modo unitario da un unico contratto, sulla base di quanto previsto nella Convenzione stipulata tra il Ministero, l'ABI e CDP, per la disciplina dei reciproci rapporti derivanti dal finanziamento agevolato. Il finanziamento può essere assistito da idonee garanzie.

La banca finanziatrice è scelta dall'impresa che intende presentare domanda di incentivo nell'ambito dell'elenco delle banche aderenti alla Convenzione, pubblicato nei siti istituzionali del Ministero, dell'ABI e di CDP.

Ai fini dell'accesso al finanziamento, le imprese devono aver ricevuto una positiva valutazione del merito di credito da parte di una banca finanziatrice in relazione all’importo del finanziamento richiesto e devono allegare alla domanda di incentivo un’attestazione di conferma e sintesi da parte della relativa banca finanziatrice dell’intervenuta adozione della delibera di finanziamento secondo quanto previsto nella Convenzione o in alternativa attestato della banca finanziatrice redatto secondo lo schema definito dalla Convenzione, della pendenza dell’istruttoria del finanziamento.

La domanda di concessione degli incentivi potrà essere presentata a partire dalle ore 12:00 del giorno 1° luglio 2024 alle ore 12:00 del giorno 31 luglio 2024. La domanda deve essere compilata esclusivamente in forma elettronica utilizzando la procedura informatica messa a disposizione da Invitalia, accessibile dal sito www.invitalia.it.

La modulistica necessaria per la presentazione della domanda sarà disponibile, nell’apposita sezione dedicata alla misura FRI-TUR, sul sito internet www.invitalia.it a partire dalle ore 12 del giorno 30 maggio 2024.

Il modulo di domanda e il piano progettuale, redatti in lingua italiana, devono essere firmati digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa proponente, pena l’inammissibilità della stessa, ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

Nel rinviare ad una lettura attenta dell’avviso pubblico, ci riserviamo di fornire ulteriori aggiornamenti.

Distinti saluti.

                                                                                         Il Direttore Generale

                                                                              (Dr. Alessandro Massimo Nucara)

 

 

allegati disponibili presso la Segreteria dell'Associazione territoriale di riferimento


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

11/06/2024

APERTURA BANDO LUNEDI' 17 GIUGNO P.V.

LE DOMANDE DEVONO ESSERE INOLTRATE ATTRAVERSO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE, INDIRIZZANDOLE COMPLETE DI TUTTA LA DOCUMENTAZIONE PREVISTA, ALL'INDIRIZZO MAIL info@apamontecatini.it.

IN CONSIDERAZIONE DELLE RISORSE DISPONIBILI, INVITIAMO GLI INTERESSATI A PROVVEDERE ALL'INVIO, ENTRO LE ORE 13,00 DI  VENERDI' 14 GIUGNO P.V. .

Il Consiglio Direttivo dello Ente Bilaterale del Turismo Toscano, EBTT, nella sua ultima seduta del 27 maggio u.s. ha approvato lo stanziamento di 300mila euro per sostenere quanto in oggetto.

07/06/2024

Le clausole dei contratti che disciplinano i rapporti tra le strutture ricettive e i circuiti delle carte di credito (es. Visa e Mastercard) consentono ai titolari delle carte di prenotare il soggiorno comunicando il numero della propria carta a garanzia della prenotazione.

06/06/2024

Federalberghi, su richiesta di alcune organizzazioni aderenti, ha rinnovato la convenzione con IREDEEM spa, società che commercializza e distribuisce in ambito nazionale i prodotti della divisione Philips emergency care.

06/06/2024

Federalberghi ha stipulato una convenzione con Delta Consulting srl, nuovo partner di Samsung per le attività di assistenza tecnica alle strutture ricettive.

06/06/2024

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha definito i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta, nonché i requisiti tecnici e certificazioni idonee ad attestare la natura ecosostenibile dei prodotti e degli imballaggi, in coerenza con gli obiettivi di riciclaggio di materiale da imballaggio previsti dall’Allegato E, Parte IV del decreto legislativo n. 152/2006 (entro il 31 dicembre 2025 il 65% di tutti gli imballaggi dovrà essere riciclato; quota che dovrà raggiungere il 70% entro il 31 dicembre 2030).

06/06/2024

È stato pubblicato il decreto-legge 7 maggio 2024, n. 60 (c.d. decreto coesione) contenente disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione. Il decreto interviene anche con misure per rafforzare l’occupazione delle categorie di lavoratori più svantaggiate e in generale nel Mezzogiorno.

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS