Le Terme Tettuccio

Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale
  • Le Terme Tettuccio
  • Il Golf 18 buche
  • Montecatini Alto
  • Lo stabilimento Tettuccio
  • Uto Ughi a Estate Regina
  • Ippodromo Sesana
  • Miss Italia a Montecatini Terme
  • Montecatini Alto
  • Natale su Viale Verdi
  • Parco Termale

Antiriciclaggio – registro titolari effettivi – invio della comunicazione sulla titolarità effettiva

A seguito della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 236 del 9 ottobre 2023 del decreto del Ministero delle Imprese e del Made in Italy del 29 settembre 2023 “Attestazione dell'operatività del sistema di comunicazione dei dati e delle informazioni sulla titolarità effettiva”, è diventato operativo il nuovo obbligo di comunicazione dei titolari effettivi al Registro delle imprese istituito presso le Camere di commercio.

Dalla data di pubblicazione decorre il termine perentorio di 60 giorni per effettuare la comunicazione e, di conseguenza, l’adempimento andrà effettuato entro l’11 dicembre 2023.

Tale adempimento si innesta nella più ampia disciplina antiriciclaggio (decreto legislativo n. 231 del 2007) in base alla quale il titolare effettivo è identificabile come “la persona fisica o le persone fisiche, diverse dal cliente, nell’interesse della quale o delle quali, in ultima istanza, il rapporto continuativo è instaurato, la prestazione professionale è resa o l’operazione è eseguita”.

 

Registro dei titolari effettivi

Il registro dei titolari effettivi ha l’obiettivo di potenziare la trasparenza sulla proprietà delle entità giuridiche, in modo funzionale a prevenire e contrastare fenomeni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo.

Il registro dei titolari effettivi si compone di due distinte sezioni: una sezione autonoma, contenente i dati e le informazioni sulla titolarità effettiva di imprese dotate di personalità giuridica e di persone giuridiche private; e una sezione speciale, cui confluiscono le informazioni e i dati relativi alla titolarità effettiva dei trust che producono effetti rilevanti a fini fiscali o istituti giuridici affini.

 

Soggetti obbligati alla comunicazione

I soggetti tenuti alla comunicazione sono:

- le imprese dotate di personalità giuridica quindi, ad esempio, tutte le S.r.l. (ordinarie, semplificate, start-up innovative etc.), le S.p.a., le società in accomandita per azioni, le società cooperative e di mutuo soccorso, nonché le varie tipologie di società consortili;

- le persone giuridiche private, come le fondazioni e le associazioni riconosciute;

- i trust e gli istituti giuridici affini ai trust.

L’obbligo di comunicare la titolarità effettiva non riguarda i seguenti soggetti:

- società di persone;

- imprese individuali;

- associazioni non riconosciute.

 

Individuazione del titolare effettivo di una società di capitali

Vanno presi come riferimento i criteri previsti dall’articolo 20 del decreto legislativo n. 231 del 2007, e cioè il criterio della proprietà e il criterio del controllo.

Il titolare effettivo coincide, infatti, con la persona fisica o le persone fisiche cui, in ultima istanza, è attribuibile la proprietà diretta o indiretta dell'ente ovvero il relativo controllo:

- costituisce indicazione di proprietà diretta la titolarità di una partecipazione superiore al 25 per cento del capitale, detenuta da una persona fisica;

- costituisce indicazione di proprietà indiretta la titolarità di una percentuale di partecipazioni superiore al 25 per cento del capitale, posseduto per il tramite di società controllate, società fiduciarie o per interposta persona.

Nelle ipotesi in cui l'esame dell'assetto proprietario non consenta di individuare in maniera univoca la persona fisica o le persone fisiche cui è attribuibile la proprietà diretta o indiretta dell'ente, il titolare effettivo coincide con la persona fisica o le persone fisiche cui, in ultima istanza, è attribuibile il controllo del medesimo in forza:

- del controllo della maggioranza dei voti esercitabili in assemblea ordinaria;

- del controllo di voti sufficienti per esercitare un'influenza dominante in assemblea ordinaria;

- dell'esistenza di particolari vincoli contrattuali che consentano di esercitare un'influenza dominante.

 

Termine per la comunicazione del titolare effettivo

Entro il prossimo 11 dicembre 2023, il titolare effettivo è tenuto a fornire informazioni accurate e aggiornate sulla propria identità e sulla propria posizione all'interno dell'entità giuridica. Eventuali cambiamenti devono essere comunicati in modo tempestivo.

Questo costante flusso di informazioni è fondamentale per consentire un monitoraggio efficace e garantire che le norme antiriciclaggio siano rispettate.

La comunicazione del titolare effettivo va inviata all’ufficio del Registro delle imprese della Camera di Commercio territorialmente competente, ed è effettuata con invio telematico mediante il modello della Comunicazione Unica e lo specifico modulo digitale TE.

Con la pubblicazione del manuale operativo per l’invio telematico delle comunicazioni del titolare effettivo, Unioncamere ha fornito le istruzioni per l’adempimento in scadenza l’11 dicembre.

Ogni qualvolta si verifichi una variazione della titolarità effettiva, dovuta a qualsiasi causa, sarà necessario inviare un nuovo modello digitale TE all’ufficio del Registro delle imprese competente, entro 30 giorni dall’atto o dall’evento che ha provocato il cambiamento.

In ogni caso, la comunicazione deve essere confermata annualmente, entro dodici mesi dall’ultima effettuata, sia essa di variazione o di conferma.

La comunicazione della titolarità effettiva non potrà essere inviata contestualmente ad altre istanze o denunce da presentare all’ufficio del Registro delle imprese (unica eccezione, è rappresentata dalla comunicazione periodica annuale di “conferma”: le imprese dotate di personalità giuridica possono infatti inviarla all’ufficio del Registro delle imprese contestualmente al deposito del bilancio d’esercizio).

 

Sottoscrizione della comunicazione

La comunicazione della titolarità effettiva deve essere sottoscritta digitalmente:

- dal legale rappresentante o da uno degli amministratori, o dei liquidatori, o dal commissario liquidatore, o dal commissario giudiziario, in caso di società (oppure da un sindaco, in caso di inerzia degli amministratori/liquidatori);

- dal fondatore o da una delle persone dotate di poteri di rappresentanza e amministrazione, o dal liquidatore in caso di persona giuridica privata;

- dal fiduciario, in caso di trust o di istituti giuridici affini.

Non sono ammesse deleghe o incarichi a terzi per la sottoscrizione digitale del modello: solo i soggetti sopra indicati possono sottoscrivere digitalmente la comunicazione e così autocertificare la titolarità effettiva.

 

Invio della comunicazione

Per compilare e comunicare la pratica del titolare effettivo è necessario essere in possesso dei seguenti strumenti:

- un account Telemaco;

- la firma digitale;

- un software di compilazione ed invio delle pratiche;

- un indirizzo PEC.

Per comunicare i dati del titolare effettivo è possibile utilizzare il nuovo applicativo DIRE, oppure le altre soluzioni di mercato.

 

Sanzioni

Il mancato adempimento degli obblighi di comunicazione sulla titolarità effettiva comporterà l’applicazione della sanzione pecuniaria prevista dall’articolo 2630 del codice civile, che va da 103 a 1.032 euro (ridotta a 1/3 se il ritardo è inferiore o uguale a 30 giorni), accertata e contestata dalla Camera di commercio competente.

 

Distinti saluti

                                                                                         Il Direttore Generale

                                                                              (Dr. Alessandro Massimo Nucara)

allegato


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

21/02/2024

La Commissione VI del Senato, dopo aver svolto un ciclo di audizioni, ha approvato una risoluzione che impegna il Governo a valutare l'opportunità di una revisione generale dell'imposta di soggiorno.

15/02/2024

Sulla base della convenzione in essere con Scuola Italiana Turismo vi informiamo sulla programmazione di un corso ITS progettato con la Fondazione ITS della Toscana Turismo, Arte e Beni culturali - TAB denominato “HOSPITALITY MANAGEMENT: INNOVAZIONE, SOSTENIBILITÀ E VALORIZZAZIONE DELLE TIPICITÀ LOCALI E DELLE STRUTTURE RICETTIVE” acronimo M.I.S.T.E.R.

15/02/2024

L’articolo 2, commi 31-35 della legge 28 giugno 2012, n. 92 disciplina il c.d. ticket di licenziamento. In particolare, il c. 31 dispone che, nei casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per le causali che,

15/02/2024

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del lavoro ha fornito indicazioni in merito all’obbligo di sottoporre a sorveglianza sanitaria un lavoratore che, pur

15/02/2024

Con riferimento ai quesiti ricevuti ed alle notizie riportate in questi giorni dagli organi di informazione, riteniamo opportuno ricordare che le persone prive di vista hanno diritto di accedere agli esercizi aperti al pubblico (tra i quali rientrano gli alberghi) accompagnati dal proprio cane guida, anche non munito di museruola.

15/02/2024

Le Commissioni I e V della Camera dei deputati hanno approvato alcuni emendamenti al cosiddetto decreto “milleproroghe”.

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS