Le Terme Tettuccio
Il Golf 18 buche
Montecatini Alto
Lo stabilimento Tettuccio
Uto Ughi a Estate Regina
Ippodromo Sesana
Miss Italia a Montecatini Terme
Montecatini Alto
Natale su Viale Verdi
Parco Termale

coronavirus – decreto “ristori” - ulteriori misure di sostegno - decreto-legge 28 ottobre 2020 n. 137 – Gazzetta Ufficiale 28 ottobre 2020 n. 269

Il Consiglio dei ministri, nella riunione del 27 ottobre 2020, ha approvato un decreto-legge recante ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Si riepilogano, di seguito, gli aspetti di principale interesse per le strutture turistico ricettive e gli stabilimenti termali.

 

contributo a fondo perduto (articolo 1)

Le imprese dei settori elencati nella tabella di cui all’allegato 1 del decreto-legge riceveranno un contributo a fondo perduto, a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

Per gli alberghi e le altre attività ricettive l’ammontare del contributo è pari al 150% del contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 25 del decreto-legge n. 34 del 2020 (cosiddetto decreto “rilancio”). Per gli stabilimenti termali e i ristoranti la percentuale di ristoro è del 200%.

Si rammenta che il contributo previsto dal decreto-legge “rilancio”, è stato calcolato applicando una percentuale (variabile tra il 10% e il 20%, in relazione all’ammontare di ricavi e compensi dell’anno 2019) alla differenza tra l’importo del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’analogo importo del mese di aprile 2019. Il contributo spetta anche in assenza di tale di requisito ai soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019.

Per i soggetti che hanno già beneficiato del contributo a fondo perduto di cui all'articolo 25 del decreto-legge “rilancio”, il contributo è corrisposto dall'Agenzia delle entrate mediante accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale sul quale è stato erogato il precedente contributo.

Per i soggetti che non hanno a suo tempo presentato l’istanza, il contributo a fondo perduto è riconosciuto previa presentazione di apposita richiesta esclusivamente mediante la procedura web e il modello approvati con il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate del 10 giugno 2020. Il contributo non spetta ai soggetti la cui partita IVA risulti cessata alla data di presentazione dell'istanza.

Si evidenzia, inoltre, che - a differenza di quanto previsto dal decreto-legge “rilancio” - il nuovo contributo a fondo perduto spetta anche alle aziende con fatturato superiore ai cinque milioni di euro, per le quali la percentuale sulla differenza tra il fatturato e i corrispettivi tra aprile 2020 e aprile 2019 sarà pari al 10%.

L’importo del nuovo contributo non può essere superiore a euro 150.000.000.

Con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate sono definiti i termini e le modalità per la trasmissione delle istanze e ogni ulteriore disposizione attuativa.

La disposizione si applica nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final  "Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a  sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19", e successive modifiche.

 

buoni vacanza (articolo 5)

Il periodo di utilizzabilità dei buoni vacanze, inizialmente previsto dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, viene esteso al 30 giugno 2021.

La richiesta di accesso all’agevolazione da parte dei nuclei familiari deve però essere effettuata entro il 31 dicembre 2020, mediante l’applicazione per dispositivi mobili IO, resa disponibile da PagoPA S.p.A.

 

credito d’imposta sugli affitti (articolo 8)

L’articolo 8 del decreto-legge prevede che il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda di cui all’articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (cosiddetto decreto “rilancio”) spetta, altresì, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

In attesa delle istruzioni operative che saranno diramate al riguardo dall’Agenzia delle Entrate, rammentiamo che l’articolo 77 del decreto-legge n. 104 del 2020 (cosiddetto decreto “agosto”), come modificato dalla legge n. 126 del 2020, ha stabilito che per le strutture turistico ricettive e gli stabilimenti termali “il credito d'imposta spetta fino al 31 dicembre 2020”.

 

cancellazione della seconda rata IMU (articolo 9)

Per l’anno 2020, viene cancellata la seconda rata dell’imposta municipale propria per le imprese dei settori elencati nella tabella di cui all’Allegato 1 del decreto-legge.

Oltre alle strutture turistico ricettive e agli stabilimenti termali, già esentati dal pagamento della seconda rata ai sensi dell’articolo 78 del decreto-legge n. 104 del 2020, sono ora ricomprese altre attività tra cui ristoranti, gelaterie, bar, eccetera.

L’esenzione dal pagamento della seconda rata IMU per gli immobili in cui si esercitano le già menzionate attività (e per le relative pertinenze) è applicabile a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività.

La disposizione si applica nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final «Quadro  temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19», e successive modifiche.

 

integrazione salariale (articolo 12)

I datori di lavoro che sospendono o riducono l'attività lavorativa per eventi riconducibili all'emergenza epidemiologica da Covid-19 possono presentare domanda di concessione dei trattamenti di integrazione salariale (assegno ordinario o cassa integrazione in deroga) per una durata massima di sei settimane, collocate nel periodo ricompreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021.

 

blocco dei licenziamenti (articolo 12)

Fino al 31 gennaio 2021 è precluso l'avvio di procedure di licenziamento collettivo (articoli 4, 5 e 24, legge 23 luglio 1991, n. 223) e restano altresì sospese le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020.

Fino alla stessa data è preclusa al datore di lavoro la facoltà di recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo ai sensi dell'articolo 3 della legge 15 luglio 1966, n. 604, e restano altresì sospese le procedure in corso di cui all'articolo 7 della medesima legge.

 

sgravio contributivo (articolo 12)

Ai datori di lavoro che non richiedono i trattamenti di integrazione salariale sopra riportati è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico previsto all’articolo 3, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, per un ulteriore periodo massimo di quattro settimane, fruibili entro il 31 gennaio 2021.

I datori di lavoro che abbiano richiesto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali ai sensi dell’articolo 3, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, possono rinunciare per la frazione di esonero richiesto e non goduto e contestualmente presentare domanda per accedere ai trattamenti di integrazione salariale sopra indicati.

 

indennità per i lavoratori non occupati (articolo 12)

È prorogata l’erogazione dell’indennità una tantum di 1.000 euro ai beneficiari individuati dall’articolo 9 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 ed è prevista l’erogazione della medesima indennità alle altre categorie di lavoratori già destinatari di misure di sostegno.

 

sospensione del versamento dei contributi (articolo 13)

Per i datori di lavoro operanti in alcuni settori, inclusi quello alberghiero e termale, sono sospesi i termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria dovuti per la competenza del mese di novembre 2020.

I dati identificativi delle imprese beneficiare della misura verranno comunicati a INPS e INAIL dall’Agenzia delle entrate.

 

reddito di emergenza (articolo 14)

Ai nuclei familiari già beneficiari della quota del reddito di emergenza previsto dal decreto “agosto” è riconosciuta la medesima quota anche una ulteriore mensilità, per il mese di novembre 2020.

 

iter del provvedimento

Federalberghi seguirà attentamente l’iter del provvedimento, proponendo emendamenti volti ad una migliore considerazione delle esigenze e delle caratteristiche delle imprese associate.

Come di consueto, le organizzazioni aderenti sono invitate a supportare l’azione della Federazione, sollecitando l’intervento dei parlamentari eletti nei rispettivi collegi.

 

Distinti saluti.

                                                                                         Il Direttore Generale

                                                                              (Dr. Alessandro Massimo Nucara)

 

allegato


Ritorna
 
 

ACCESSO RISERVATO AI SOCI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nome utente:

Password :


Inserite il testo visualizzato nell'immagine:
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non hai un account?

 
 

ANTEPRIMA FEDERALBERGHI

01/12/2020

Il Consiglio dei ministri, nella riunione del 29 novembre 2020, ha approvato un decreto-legge recante misure finanziarie urgenti connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Si riepilogano, di seguito, gli aspetti di principale interesse per le strutture turistico ricettive e gli stabilimenti termali.

30/11/2020

Con un comunicato diffuso il 27 novembre, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha informato che Il termine per il versamento della seconda o unica rata d'acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP dovuta dagli operatori economici verrà prorogato dal 30 novembre al 10 dicembre 2020 con una norma nel decreto legge cosiddetto ‘Ristori Quater’, in corso di adozione.

26/11/2020

Sono pervenuti alla federazione alcuni quesiti concernenti le clausole generali n. 2.2.1 e n. 2.2.2 del contratto tra Booking.com e le strutture ricettive, ai sensi delle quali le strutture ricettive sono obbligare ad offrire al portale parità di tariffe e condizioni.

In particolare, ci è stato richiesto se l'adesione a tale contratto possa comportare per gli alberghi italiani l'obbligo di rispettare la cosiddetta "parity rate".

25/11/2020

Con una nota del 25 novembre 2020, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha prorogato dal 28 novembre al 15 dicembre 2020 il termine per la richiesta del contributo a fondo perduto da parte delle imprese della ristorazione, comprese le attività alberghiere con codice ATECO 55.10.00 che effettuano somministrazione di cibo.

25/11/2020

Il Comitato Nazionale Giovani Albergatori, in collaborazione con la Rete nazionale degli istituti alberghieri e con il Centro di Formazione Management del Terziario, ha organizzato un incontro con le scuole dal titolo “Il salto in lungo del turismo. Come affrontare il cambiamento”.

23/11/2020

L’articolo 22-quater, comma 4, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 prevede che, nel caso di richiesta di pagamento diretto dell’integrazione salariale da parte dell’INPS, l’istituto autorizza le domande e dispone l'anticipazione di pagamento del trattamento, nella misura del 40% delle ore autorizzate nell’intero periodo.

SERVIZIO NEWSLETTERS

resta sempre aggiornato...
iscriviti alle newsletters!

 
 

I NOSTRI PARTNERS